Quanto mi costa

L’Ateneo senese offre strutture nuove, funzionanti, laboratori moderni, servizi efficienti e una didattica qualificata. Per fornire tutto questo, l’Università di Siena, a partire dall’a.a. 2017/2018, ha effettuato una scelta sulla contribuzione studentesca, conforme alle disposizioni della legge n. 232/2016, che coniuga la situazione patrimoniale risultante dall’ ISEE dello studente con il merito. Le tasse sono inoltre determinate in relazione al tipo di corso frequentato (area umanistico-sociale; area tecnico-scientifica; area sanitaria a normativa UE).

Per l’a.a. 2017/2018 l’Ateneo ha predisposto un Simulatore Calcolo Tasse online utile per il calcolo della tassazione complessiva e per la determinazione del numero (variabile da 1 a 4 in ragione dell’entità del contributo complessivo richiesto) e dell’entità delle singole rate.

A partire dall’a.a. 2018/2019 il numero delle rate è invece fisso (4). Il simulatore tasse a.a. 2018/2019 è in fase di implementazione.

Se si hanno i criteri economici e di merito si può essere dispensati dal pagamento delle tasse facendo domande di Borsa di studio DSU che comprende diversi benefici, come la casa dello studente, la mensa gratis.

Varie sono le altre provvidenze previste dal Regolamento tasse a favore degli studenti che si trovino in determinate situazioni:

– Studenti con disabilità e studenti figli dei beneficiari della pensione di inabilità (art. 21 Reg. Tasse)

– Studenti beneficiari o idonei di borsa di studio dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (art. 22 Reg. Tasse)

– Studenti beneficiari di borsa semestrale dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (art. 23 Reg. Tasse);

– Studenti borsisti del Governo italiano (art. 25 Reg. Tasse);

– Studenti rifugiati politici (art. 26 Reg. Tasse);Studenti in regime di detenzione (art. 27 Reg. Tasse);

– Studenti ultrasessantenni (art. 28, comma 1, Reg. Tasse);

– Studenti dipendenti dell’Università degli Studi di Siena in servizio a tempo indeterminato e a tempo determinato da almeno sei mesi alla data d’iscrizione e gli studenti dipendenti dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese in servizio a tempo indeterminato (art. 28, comma 2, Reg. Tasse) ecc.

 

In questa pagina potrai trovare tutte le informazioni rispetto al sistema di contribuzione studentesca e i contatti dell’ufficio Gestione Tasse dell’Ateneo

Contribuzione studentesca

 

Il Diritto allo Studio della regione Toscana è uno dei migliori del nostro Paese. Ogni studente che si iscrive all’Università di Siena e che fa domanda in tempi utili ed ha i requisiti economici necessari, ottiene la borsa di studio.

Nei mesi estivi il DSU Toscana pubblica i bandi di concorso per l’assegnazione delle borse di studio, dei posti alloggio e della borsa servizi.

Gli studenti interessati devono presentare la domanda seguendo la procedura indicata sul bando Dsu.

Tutte le informazioni sui bandi e le modalità di ammissione e partecipazione sono consultabili sulle pagine web del portale Dsu Toscana.

LINK

Borsa di studio Dsu Toscana

Gli studenti possono inoltre accedere al Microcredito di Solidarietà per la concessione di piccoli prestiti agevolati.

LINK

Prestito Microcredito di Solidarietà 

Il Fondo di solidarietà, costituito ai sensi dell’art. 30 Reg. Tasse, permette interventi di sostegno a favore di studenti che versano in situazioni di disagio, anche solo temporanee, adeguatamente documentate. Gli interventi di sostegno consistono nell’esonero parziale o totale dai contributi universitari.

Al fondo accedono anche gli studenti residenti in zone colpite da eventi sismici e/o da calamità naturali che possono essere esonerati, totalmente o parzialmente, dal pagamento dei contributi universitari dovuti per l’anno accademico in cui si è verificato l’evento, ovvero in quello immediatamente successivo, purché l’immobile di residenza dello studente sia stato dichiarato inagibile.

L’Università di Siena pubblica ogni anno un Bando per attività retribuite a tempo parziale degli studenti, più comunemente noto come Bando 150 ore. Grazie a questo bando ogni anno molti studenti hanno la possibilità di collaborare con l’Università ricevendo in cambio un contributo economico.

Bando 150 ore